MEME PILLS

Agostino Iacurci | Voolareee Oh Oh

Milano. Lui vola verso sinistra, Lei verso destra. Lui è in Piazzale Loreto, Lei in Piazzale Cadorna. L’altro Lui, l’autore delle tele, è Agostino Iacurci. Sì, perché non sono dei manifesti pubblicitari. Sono due enormi dipinti di 80 e 90 metri quadri, fatti a mano (titolo: Birds), che fanno da antipasto alla nuova personale del writer foggiano alla Galleria Patricia Armocida, Appearance and Disappearance (dal 21 aprile). Iacurci è tra i più prolifici street artist italiani all’estero: i suoi omoni variopinti colorano le strade di mezzo mondo, da Taipei a Parigi, da Mosca a Porto Rico. In galleria saranno esposte – manco a dirlo – opere più piccole: qualche dipinto, quindici assemblage e sei sculture in legno. Le due tele rimarranno visibili solo fino all’apertura della mostra, quindi, se volete vederle dal vivo, affrettatevi!

(Un aiutino: quella in Piazzale Loreto è all’imbocco di Viale Abruzzi; quella in Piazzale Cadorna, sul tetto del civico 11)

Stefano Ferrari

Agostino Iacurci, Birds, 2015 (Milano, Piazzale Loreto) Foto Sha Ribeiro
Agostino Iacurci, Birds, 2015 (Milano, Piazzale Cadorna) Foto Sha Ribeiro

About the author

Stefano Ferrari

E' laureato in Scienze dei Beni Culturali (Università degli Studi di Milano). Nel 2008 ha conseguito il master in Art Management presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Ha collaborato con la Fondazione Mazzotta, il mensile "Arte" (Ed. Giorgio Mondadori) e con Baldini Castoldi Dalai editore per i siti Sullarte.it e Myword.it. Attualmente lavora come collaboratore per Darsmagazine.it e per "La Settimana Enigmistica".

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi