MEME TUBE

[VIDEO] “Bios”, la scultura che comunica di Rudy Pulcinelli

“Il viaggio comincia dove finiscono le nostre certezze” scrive l’antropologo Frankc Michel ed è forse la sintesi migliore per descrivere i lavori di Rudy Pulcinelli, scultore dalla grande forza evocativa legato da sempre al  tema della comunicazione.

“Perché il dialogo è una forza resiliente” – racconta Ilaria Magni, curatrice della mostra – “la vita si autorigenera, si autoripara come una piantina che in qualche maniera buca l’asfalto, riesce a vivere ai margini della strada anche avendo a disposizione poca terra.“

“Bios” è il titolo della personale dell’artista toscano alla Galleria Bonioni di Reggio Emilia. Un parallelo tra dialogo e acqua: l’installazione principale infatti raccoglie 11 anfore provenienti dall’India meridionale e utilizzate dalle popolazioni indigene per trasporre l’indispensabile fonte di vita.  Al loro interno, le parole che raccolgono i 7 alfabeti più diffusi al mondo.

“In ogni vaso, in ogni anfora coesistono più alfabeti” – racconta Rudy Pulcinelli – “per esempio l’arabo e l’ebraico. Per me è come se fosse un grande auspicio, la possibilità di poter contenere e divulgare il dialogo in senso assoluto. Queste parole sono anche la volontà delle connessioni, dico sempre che in un mondo dove tutto è veloce e frenetico, forse ci stiamo avvicinando ad un periodo con meno dialogo.“

I lavori di Pulcinelli sono puliti e sintetici e la linearità delle forme restituisce un precisione geometrica assoluta.

Bios è Vita in greco antico, ma rappresenta anche il meccanismo di avvio dei computer” – prosegue Ilaria Magni – “una parola antica e moderna nello stesso momento, l’acronimo che sta ad indicare il codice che genera l’avviamento di un computer.”

L’acciaio corten che si alterna al metallo verniciato, un perfetto equilibrio materico che invita ancora al dialogo ed all’interazione.

“Nonostante io parli con la scrittura e con le lettere è come se diventassero pagine bianche” – prosegue Pulcinelli – “un invito per l’untente ad iteragire con l’opera stessa.”

“L’artista con le sue pittosculture, quadri da parete,  suggerisce l’idea di un flusso” – racconta Ilaria Magni – “il flusso della comunicazione e dei volumi.”

La mostra, con opere site specific,  è ospitata alla Galleria Bonioni, nel centro di Reggio Emilia fino al prossimo 29 aprile.

“Pulcinelli è un artista che seguo già dal 2012, con la sua prima mostra a Correggio”- racconta Federico Bonioni – “a me piace molto la scultura, trovo le opere di Rudy belle ed innovative, che possono sostituire anche un quadro.”

Video realizzato da Milko Chilleri 

About the author

Milko Chilleri

Giornalista BlogReporter. I miei primi compagni U-matic e l' Atari 1040, il video e la musica, mixati alla certezza che il suono e l'immagine riescono a parlare con tutti.

Nel rispetto della privacy raccogliamo dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Info | Chiudi