MEME MORE

Santana e Sting a Pistoia per chiudere in bellezza il Festival Blues

Santana e Sting sono state le due ciliegine sulla torta di un Festival, quello interamente dedicato al Blues, che ha costellato le serate pistoiesi del mese di luglio. Ecco il nostro report finale.

mariadipietro.pistoiablues-santana5

Erano già 22.000 gli spettatori registrati prima delle due grandi date scelte per concludere la grande manifestazione, Santana e Sting, esclusi dal conteggio del primo bilancio che riconferma l’immenso successo.

La novità di quest’edizione 2015 è stata di sicuro la durata, ovvero quella di aver spalmato le date su tutto il mese di luglio concedendo ampio spazio agli eventi, ai concerti, alle iniziative locali e trasformando la città in una vera e propria festa.

Grande successo sin dalle prime battute: il 1 luglio c’è stata l’apertura del Festival con Mumfords and Sons che ha visto a Pistoia una delle ultime loro date italiane per il “Gentleman of the Road Tour”, con circa 8.000 spettatori. Un mix tra rock e folk è l’ingrediente del successo della band inglese, accolto da un pubblico per lo più giovane ma che ha visto un’enorme affluenza e soprattutto una grande energia durante il concerto.

La seconda data programmata per il 3 luglio ha visto i Counting Crows, band nata nel 91’ a San Francisco che ha esordito con l’album “August and Everything After” considerato uno dei migliori dischi alternative rock di quegli anni. La band californiana ha fatto il suo ingresso alle 22.00 circa con un successo del primo album “Rain King”, ma ad aprire il concerto, è stata una delle più belle voci blues femminili italiane, Arianna Antinori, che ha presentato il suo nuovo singolo “Shut Up”.

mariadipietro.pistoiablues-santana2

E questo non è stato che l’inizio. La data del 7 luglio ha visto protagonista il cantante irlandese Hozier, giunto all’apice con la sua hit “Take me to Church”, con la quale ha chiuso il concerto dopo aver presentato durante la serata l’album dal quale è stato tratto il singolo. Un album pieno di blues, gospel, soul e indie rock. Sul palco oltre al talento del cantante la presenza di una grande band, forte anche di due coriste e di una violoncellista. A metà esibizione grande emozione con l’esecuzione di “In a week” dove Hozier si è esibito accompagnato dalla sola chitarra e con la violoncellista Alana Henderson a fare da seconda voce solista.

L’altra data in calendario in questo programma davvero speciale è stata quella del 15 luglio con Passenger, che invece ha stupito i pistoiesi e il pubblico presente, con la decisione di regalare una serata della sua musica in Piazza dell’Ortaggio completamente gratuita, in coerenza con il suo essere un artista di strada.

Piedi nudi e chitarra acustica emozionano il pubblico in questo speciale fuori programma. Per la sera del concerto, invece, prevista da calendario, grande afflusso e soprattutto grande emozione per il singolo “Let her go” che ha portato il suo ultimo album in vetta alle classifiche.

E se fino ad ora hanno tenuto la scena star internazionali, per il 17 luglio si è pensato ad una rassegna blues tutta italiana come omaggio a colui che sul palco del Pistoia Blues ci è salito bene due volte, B.B. King.

mariadipietro.pistoiablues-santana1

Angelo Leadbelly Rossi, Nick Becattini, Paolo Bonfanti, Mimmo Mollica, Pippo Guarnera, Vince Vallicelli, e tanti altri sono stati i nomi della serata che hanno fatto registrare un’enorme affluenza per questa data gratuita all’interno del Festival.

Dopo la serata omaggio, week end ricco di musica per il 18 e 19 luglio, nella prima data il grande rock internazionale con i The Darkness che stanno vivendo un momento di grande successo con il nuovo album “Last of our kind”, un concerto grintoso per un pubblico di circa 5.000 spettatori, uno spettacolo tenuto soprattutto da Justin Hawkins che non si è risparmiato a verticali, arrampicate ed escursioni in mezzo alla folla mandando il pubblico in delirio! Per il 19 luglio invece, i Dream Theater icone indiscusse della tecnica e della grande musica per un genere che hanno contributo ad inventare, si sono esibiti dinanzi ad un pubblico di circa 4.000 spettatori, accolti da un boato sin dalle prime note di Afterlife.

Inutile negarlo, però, nonostante il successo delle serate che hanno animato la prima parte di questo Blues pistoiese 2015, i riflettori erano puntati sui due colossi in calendario per le ultime due date del Festival.

Il 21 luglio è toccato al re indiscusso Carlos Santana, un concerto sold out per il pubblico pistoiese, dopo ben 11 anni di assenza dell’artista. Nonostante i suoi 68 anni compiuti il giorno prima del concerto, Santana sul palco è stato energia esplosiva, note urlate dalle corde della sua chitarra, emozione, musica, quella vera, quella di talento, quella che nonostante il tempo che passa è sempre la regina del palco, la sua musica.

L’alternanza di generi che caratterizza la sua filosofia musicale, salsa, rock classico, free jazz, funk, blues, fusion fa impazzire i suoi 7.500 spettatori che riempiono una piazza Duomo che per l’occasione è diventata il “luogo” di Santana.

Esplosione di energia per la sua Maria Maria, ma non sono mancati omaggi a Morricone e a Michael Jackson, proponendo un mix di successi senza tempo.

mariadipietro.pistoiablues-santana6

Un cappello nero e un corazon, Santana e la sua chitarra hanno stupito un pubblico variegato di giovani, ma anche adulti scrivendo un nuovo ed emozionante ricordo per un Festival del Blues che ad ogni edizione aggiunge un tassello alla sua storia internazionale.

Per l’ultima data di questa rassegna in programma il 24 luglio, protagonista e ospite della serata per la prima volta in Piazza Duomo, è stato Sting.

L’ex bassista dei Police con alcuni suoi fedeli musicisti degli ultimi anni, Dominic Miller alla chitarra, David Sancious alle tastiere, Vinnie Colaiuta alla batteria e la nuova entrata Peter Tickell (violino) ha reso l’ultima serata del Festival un’ennesima conferma.

Questo festival che spegne le luci di un palco che ancora bolle di energia di ben 24 giorni di blues, sarà difficile da dimenticare e soprattutto resistere all’attesa che si riaccenda di musica il prossimo anno.

Felisia Toscano

Photo credits: Maria Di Pietro

Foto del concerto di Santana - Piazza Duomo Pistoia
Foto del concerto di Santana – Piazza Duomo Pistoia

Maria Di Pietro. Fotografa da sempre dedita al fotogiornalismo, appassionata di ogni forma d’arte, ama definirsi scrittrice d’immagini, perché il racconto è per lei insito nelle immagini che crea.
Sempre in viaggio con la sua scatola magica, trasforma presto la sua passione in una necessità che la spinge a un’assetata ricerca tra il reale e l´immaginario.  Anima libera da padroni continua a cercare quella fotografia volta al paesaggio e ai segni che l’uomo lascia, a quella bellezza visibile nell’essenzialedella quotidianità dello sguardo.

About the author

Felisia Toscano

Laureata in Scienze Turistiche, è impegnata nella realizzazione di eventi culturali e turistici.
Appassionata all’arte e alla scrittura, si dedica alla recensione e al racconto di mostre, viaggi, eventi culturali che le permettono di esprimere al meglio le sue emozioni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi