Arte e Fotografia

Un video morphing celebra Raffaello il 6 aprile

Un video morphing prodotto da Accademia Carrara celebra il 6 aprile, giorno di nascita e di morte di Raffaello.

Il 6 aprile 1483 nasceva a Urbino e il 6 aprile 1520 moriva, a soli 37 anni, a Roma.

Il genio, l’ineguagliata capacità pittorica, la formazione a Urbino e poi Firenze, fino alla consacrazione romana, gli incontri, i committenti illustri, le tante passioni, gli amori… il tutto racchiuso in un curioso dato biografico: Raffaello è nato e scomparso lo stesso giorno, il 6 aprile.

Oggi, 6 aprile 2018, Accademia Carrara celebra l’artista e il suo genio, in occasione di Raffaello e l’eco del mito (a Bergamo fino al 6 maggio) attraverso una sequenza di dipinti esposti in mostra e un omaggio grazie all’autoritratto conservato alla Galleria degli Uffizi di Firenze.

 

Un racconto non solo di volti ma di storie, di pittura, di artisti che prima, durante e dopo Raffaello, fino ai nostri giorni, hanno ispirato, guardato, celebrato, costruito il mito.

Dal San Sebastiano del 1502-03, parte della Collezione dell’Accademia Carrara, alla Santa Maria Maddalena di Perugino, dal Ritratto di giovane di Giovanni Antonio Boltraffio a quello di Marco d’Oggiono, dal Ritratto di donna (La Fornarina) di Palazzo Barberini a Roma alla versione contemporanea di Mariella Bettineschi, dall’Autoritratto (come Raffaello) di Salvo al Self Portrait as a Self Portrait (After Raffaello Sanzio) di Francesco Vezzoli, passando per Luigi Ontani, per terminare con l’Autoritratto datato 1504-1506 circa degli Uffizi.

Elenco opere in sequenza:

Raffaello, San Sebastiano, 1502-03, Accademia Carrara Bergamo
Perugino, Santa Maria Maddalena, 1500 c., Galleria degli Uffizi Firenze
Raffaello, Ritratto di Elisabetta Gonzaga, 1503-1504 c., Galleria degli Uffizi Firenze
Maestro della Leggenda di sant’Orsola, Ritratto di giovane uomo, 1480 c., Accademia Carrara Bergamo
Marco d’Oggiono, Giovane in figura di san Sebastiano, 1492-1493 c., The Cleveland Museum of Art
Raffaello, Cristo Redentore benedicente, 1505-06 c., Pinacoteca Tosio Martinengo Brescia
Raffaello, Ritratto di donna (La Fornarina), 1519-1520 c., Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma, Galleria Corsini a Palazzo Barberini, Roma
Mariella Bettineschi, L’era successiva (Raffaello, La Fornarina), 2010, Collezione privata, Roma
Antonio Donghi, Annunciata, 1940, Collezione Alessandra e Paolo Barillari, Roma
Salvo, Autoritratto (come Raffaello), 1970, Archivio Salvo Torino
Luigi Ontani, RaffaEllo, 1972, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea Torino
Francesco Vezzoli, Self-Portrait as a Self-Portrait (After Raffaello Sanzio), 2013, Collezione dell’artista
Raffaello, Autoritratto, 1505-1506 c., Galleria degli Uffizi Firenze

About the author

Milko Chilleri

Giornalista BlogReporter. I miei primi compagni U-matic e l' Atari 1040, il video e la musica, mixati alla certezza che il suono e l'immagine riescono a parlare con tutti.

Nel rispetto della privacy raccogliamo dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Info | Chiudi