MEME MORE

Pistoia è Blues

36 edizioni, 24 giorni di programmazione, 40 artisti internazionali: questi i numeri del Pistoia Blues Festival che anche quest’anno non delude, con un cartellone di tutto rispetto, ricchissimo di serate e grandi artisti.

Pistoia Blues Festival

Un viaggio all’interno della storia della musica.

La musica, il centro di tutto, la musica che vive nel suo mondo. Un festival che si muove a 360 gradi con i più grandi artisti internazionali spaziando dal rock, blues, soul, pop, hard rock, new folk, con artisti storici quale Santana, Sting e Counting Crows e giovani talenti quali Mumford & Sons.

Non mancheranno nuove voci, Hozier, Passenger e superstar del rock duro, Darkness, Black Label Society, Dream Theater. Molte saranno le attività collaterali che vanno dalle esibizioni dei “buskers” alle “street band”, dalla didattica, “Clinics” e “Dancing the Blues” fino alle mostra “Fender Vintage Museum” al teatro Bolognini che esporrà una vastissima collezione di materiale originale Fender costituita da oltre 100 pezzi rari fra chitarre, bassi e amplificatori, del periodo d’oro 1951 al 1974.

Importante la partecipazione dell’intera città, il festival offre la possibilità di vivere per un mese intero gli scorci pistoiesi con un programma senza sosta.

Non mancherà l’omaggio al re del blues, l’intera manifestazione sarà dedicata a B.B.King, che per dieci volte ha calcato il palco del Festival diventandone l’artista più rappresentativo. Sarà la serata del 17 luglio “Italian Blues Night” con una passerella di artisti blues ad essere completamente dedicata all’artista recentemente scomparso.

Il Festival partirà il 1° luglio con uno dei concerti più attesi della stagione: i Mumford & Sons. La band londinese, freschissima di pubblicazione per il nuovo album “Wilder Mind”, andrà in scena per la prima volta al Pistoia Blues.

Il 3 luglio altro grande concerto con i Counting Crows. La band tornerà nel nostro paese per presentare, con un trascinante live di rock americano classico contaminato di blues e folk, non solo i brani dell’ultimo disco “Somewhere Under Wonderland” (Universal Music) ma anche i loro più grandi successi. In apertura Arianna Antinori, vincitrice del premio indetto dalla famiglia di Janis Joplin per le nuove interpreti.

untitled

Il cantautore irlandese Hozier, in vetta alle classifiche di mezzo mondo con il brano “Take Me To Church”, sarà l’ospite d’eccezione, in prima nazionale, il prossimo 7 luglio 2015.

Il 15 luglio arriverà in Italia Mike Rosenberg aka Passenger, il cantautore inglese busker nell’anima che ha incantato il mondo con la hit “Let Her Go” inclusa nell’esordio da 1.500.000 copie vendute “All the Little Lights” del 2012. L’artista, dopo i sold out dell’ottobre scorso a Milano, tornerà in Italia per una data al Pistoia Blues Festival per presentare il suo ultimo lavoro “Whispers II” (2015). In apertura l’amico e compagno di viaggio, il cantautore australiano Stu Larsen. Apriranno le danze i Proclama, band torinese di brit rock in procinto di pubblicare il secondo album anticipato dal brano “instabile” incluso nella compilation Pistoia Blues Next Generation.

La serata di Venerdì 17 luglio sarà un evento gratuito dedicato al blues italiano in onore a B.B. King. Dalle 19 il via a una serie di concerti per una lunga serata con i nuovi talenti emergenti di Obiettivo Bluesin, con storici bluesmen italiani e altri ospiti speciali. La lunga kermesse vedrà sfilare la Nick Becattini Band, i Bud Spencer Blues Explosion, The Cyborgs, Di Maggio Bros, Angelo Leadbelly Rossi, Pippo Guarnera, Vince Vallicelli, Polo Bonfanti, Mimmo Mollica, Daniele Nesi, Angela Esmeralda & Sebastiano Lillo, La Shame Blues Band e molti altri.

Il 18 luglio 2015 si aggiunge una speciale esclusiva italiana grazie al ritorno nel nostro Paese dei The Darkness, storica band dell’hard-rock britannico degli anni 2000, in uscita con il loro nuovo album “Last of Our Kind”. Co-headliner della serata i Black Label Society, la band statunitense fondadata da Zakk Wylde, ex chitarrista di Ozzy Osbourne, punto di riferimento del metal americano. In apertura i J27, band toscana che presenterà il nuovo album “Regeneration”, disco che vanta la partecipazione di Tracii Guns, fondatore dei Guns’n’ Roses. Nel cartellone anche Rain fondati da Amorati Alessio, i toscani Runover ed i Noise Pollution da Bologna (tra i primi vincitori speciali del contest Bluesin).

Concerti-Carlos-Santana-2015-live-allArena-di-Verona-e-al-Pistoia-Blues-Festival

Il 19 luglio sul palco di Piazza Duomo si esibirà una delle band più influenti del prog-rock mondiale degli ultimi trent’anni, i Dream Theater, da tempo consacrati come icone indiscusse della tecnica e della grande musica per un genere che hanno contributo ad inventare. Arricchiscono la serata i set dei Queensryche, leggendaria band di Seattle in procinto di pubblicare nel 2015 il nuovo lavoro discografico, il secondo con la voce del nuovo frontman Todd La Torre, e dei Vision Divine guidati dal frontman toscano Fabio Lione. Prima di loro i Methodica, progressive band veronese che presenterà in anteprima il nuovo album “The Silence of Wisdom” già anticipato dai brani “Destruction of Idols” e “Firth of Fifth”, remake del celebre brano dei Genesis. Aprirà la serata il rock sinfonico dei triestini Sinheresy.

Grande attesa per il concerto di Santana che arriverà a Pistoia in Italia il 21 luglio 2015 per promuovere l’album “Corazon” (2014), il ventiduesimo disco dell’artista, che vede il grande chitarrista di origine messicana duettare con big della musica internazionale.

Il 24 luglio salirà sul palco, per la prima volta nella storia del Festival, Sting. Il celebre artista britannico, cantautore e storico cantante-bassista dei Police, sarà in tour estivo con la sua rock band per portare sui palchi europei i più grandi classici del suo repertorio. In apertura un ospite d’eccezione: l’ex frontman degli Starsailor James Walsh recentemente uscito con il suo debutto solista “Turning Point”.

Non resta che attendere l’inizio del Festival che vede triplicate le vendite dei pacchetti a tre settimane dall’inizio rispetto a quelli acquistati nel 2014.

Un risultato che vede Pistoia un luogo capace di accogliere attraverso la musica e scoprire le sue bellezze e quelle del territorio toscano.

Maria Di Pietro

 

About the author

Maria Di Pietro

Fotografa da sempre dedita al fotogiornalismo, appassionata di ogni forma d'arte, ama definirsi scrittrice d'immagini, perché il racconto è per lei insito nelle immagini che crea.
Sempre in viaggio con la sua scatola magica, trasforma presto la sua passione in una necessità che la spinge a un'assetata ricerca tra il reale e l´immaginario.
Anima libera da padroni continua a cercare quella fotografia volta al paesaggio e ai segni che l'uomo lascia, a quella bellezza visibile nell'essenziale della quotidianità dello sguardo.

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.