MEME EVENTS

Nagla | Six Solo Show

Si rinnova l’appuntamento estivo con l’arte contemporanea. Nagla, six solo show, in collaborazione con Circoloquadro, presso Donna Bianca/ Palazzo Coluccia, a Specchia, ospita fino al 10 settembre sei personali: Luca Coclite, Chantal Criniti, Federica Francesconi, Debora Garritani, Emanuele Puzziello, Fabrizio Segaricci.

L’appuntamento estivo con l’arte contemporanea è stato rinnovato anche quest’anno: nel piccolo borgo di Specchia in provincia di Lecce, gli storici spazi di Donna Bianca/Palazzo Coluccia, un tempo luogo di intenso lavoro, danno spazio e  voce alla contemporaneità, per tutta l’estate fino al 10 settembre. Nagla, six solo show, con ben sei mostre personali, a cura di Donato Viglione e Arianna Beretta – tra cui la personale “Superflora. Monospecifico Mediterraneo” curata da Laura Perrone – è quest’anno non solo pittura ma anche video, installazioni, scultura, fotografia.

Ad accoglierci nella sala d’ingresso, ex deposito del tabacco e frantoio, la natura rigogliosa e viva di Emanuele Puzziello, artista salentino trapiantato a Modena. In continuità con le opere esposte lo scorso anno nella stessa sala – le raffigurazioni di un mondo naturale e incontaminato di Agnese Skujina – anche quest’anno ritorna protagonista la natura ma in uno stile pittorico vivido. Una deflagrazione di foglie e piante invade la tela e nasconde presenze umane magicamente mimetizzate. In Imaginary Boys di Puzziello, le figure umane, come in una nuova metamorfosi, si ricongiungono alla natura e ne risultano trasformate, per poi scoprirle intente, forse,  a scrutare noi, incomprensibili esseri che invece ce ne allontaniamo.

Emanuele Puzziello Vespertine 2017 olio e acrilico su tela

L’elemento naturale continua ad essere di rilievo anche nella nuova saletta, un tempo adibita probabilmente a deposito. Tomba del mio meglio è il titolo della personale di Federica Francesconi. Come scrive nella presentazione Arianna Beretta, “tomba” intesa non come celebrazione finale ma come inno alla vita, celebrazione delle sue opere presenti una volta separate dal suo meglio. La giovane artista bresciana  ci propone, per cominciare,  l’esperienza di passeggiare a piedi nudi su un tappeto di cannella esteso per tutta la sala e, inebriati dal profumo, ci lascia osservare le sculture delicate ed effimere fatte di semi di eucalipto o di clematide, poggiati o accumulati con cura sopra dei chianconi di pietra grezza; o i fiori incastonati come pietre preziose nelle pareti nella stanza. Sulle pareti poi,  traccia il perimetro della stanza, il segno lasciato durante la performance “Nuota nel corpo forza d’altri” con cui ha inaugurato la mostra, trascinando un oggetto da lei realizzato con elementi organici per lasciare traccia di “questo altro che inevitabilmente si logora per fornirci il sostegno di cui abbiamo bisogno per vivere pienamente adesso”.

Federica Francesconi Opzioni per stancarsi 2017 semi di eucalipto

Nihil novum sub solem è il titolo della personale di Debora Garritani, affermata artista calabrese formatasi  a Milano. Qui lo scenario naturalistico si fa gotico e l’ambiente assume altri connotati. Come in un dipinto rinascimentale, infatti, Debora Garritani ci propone lo schema ben conosciuto del ritratto e della vanitas. “Niente di nuovo sotto il sole” sembra ricordarci che la vanità non è nulla di nuovo, che sia oggi espressa  in un selfie o ieri in un ritratto; e ce lo ricorda con macabra ironia: a fare da sfondo vi è un paesaggio aspro e non rigoglioso, i toni sono desaturati e non freschi, e ironicamente l’artista si autoritrae insieme allo scheletro di un animale o con un teschio, prendendosi gioco della vanitas e rimarcandone la caducità, anche questa sempre uguale nel tempo.

La sala successiva ci conduce in un ambiente totalmente diverso, questa volta urbanizzato, trasformato dall’uomo e che a sua volta ha trasformato la vita dell’uomo. Ci accoglie un vecchio cantastorie delle Alpi Apuane che intona il canto “Miniera” mentre ci accompagna nella riappropriazione di una memoria, di un senso di patria che, come scrive Donato Viglione,” non è la patria delle parole vuote e aggressive ma patria come illusione necessaria, come processo di costruzione”. Il lavoro di ricerca che sta dietro a Una illusione necessaria, dell’artista umbro Fabrizio Segaricci, si manifesta in una presentazione di immagini d’archivio che ci conducono, fotogramma dopo fotogramma, nella vita quotidiana di operai, nelle manifestazioni, nei luoghi/ non-luoghi di lavoro. La serie di fotografie “La fabbrica non parla” racconta di fabbriche dismesse, ormai votate al silenzio di chi ha troppo da raccontare, e di chi mentre osserva si sofferma per ricordare.

Debora Garritani Nihil sub sole novum #5 2018 Stampa gicleģe su carta cotone ed. 6
Fabrizio Segaricci TFR #3 settimane mesi anni (part.) 2017 lightbox e pellicola 16mm

È un ambiente di quotidianità domestica, quello che troviamo proseguendo nella prossima sala espositiva, la stanza del fattore. Ritorniamo ad una dimensione intima, personale. Chantal Criniti, giovane artista milanese, con uno stile minimal, essenziale, fatto di linee e pochissimi colori, ci presenta i particolari e i dettagli silenziosi di un ambiente quotidiano, con inquadrature incomplete, ritagliate da uno sfondo più ampio, suggerito ma non svelato. Il momento silenzioso della quiete domestica, fatta di pochi oggetti essenziali, di uno sguardo che si sofferma obliquo su qualcosa, inquadrandolo e mettendone a fuoco un particolare, mentre il pensiero va altrove. “Essenzialità domestica” il titolo della personale di Chantal Criniti, che ci restituisce un momento intimo, personale, di riflessione, di un ambiente che in questa veste appartiene nello stesso modo a tutti.

Chiude il cerchio di Nagla, six solo show, il tema della natura, questa volta affrontato nell’ottica di una contaminazione tra ambiente urbano e naturale. Monospecifico Mediterraneo è il proseguo di un progetto di ricerca artistica più ampio, Superflora, portato avanti dall’artista salentino Luca Coclite. La personale di Coclite, curata da Laura Perrone, ci porta davanti alla rappresentazione di una natura che torna a riappropriarsi degli spazi urbanizzati dall’uomo, sintentizzandosi con essi e dando vita ad una nuova specie di piante. Il risultato è una natura ibrida, come quella rappresentata dall’artista come sintesi tra il fico d’india, pianta mediterranea per eccellenza, e materiali inorganici. Il titolo della personale, come scrive la stessa curatrice, crea un ossimoro tra il termine usato per indicare il gruppo botanico di una sola specie, monospecifico, e l’ aggettivo mediterraneo, che indica un habitat da sempre culla di molte diversità.

Nagla, six solo show,  sei personali quindi,  un varco nel pieno delle distrazioni estive per rallentare l’andatura e osservare l’arte contemporanea, riflettere su ciò che ci racconta o semplicemente lasciarsi coinvolgere, senza fretta, dall’esperienza che ci trasmette.

Chantal Criniti EssenzialitaĚ domestica 2018 olio su tela
Luca_Coclite_Monotipico Mediterraneo series, 2018, maquette, legno, stagno e corteccia dipinta, dimensioni variabili

 

nagla contemporary arts farm |six solo show

Luca Coclite

Chantal Criniti

Federica Francesconi

Debora Garritani

Emanuele Puzziello

Fabrizio Segaricci

a cura di Donato Viglione e Arianna Beretta

Donna Bianca b&b (Palazzo Coluccia)

via Matteotti 41, Specchia (Lecce)

Dal 16 luglio al 10 settembre

 

https://www.facebook.com/donnabiancaspecchia/

About the author

Sandra Branca

Delle parole amo la sintesi, il nonsense e le immagini.
Prima scrivo, poi faccio anche altro.

Error: Access Token is not valid or has expired. Feed will not update.
This error message is only visible to WordPress admins

There's an issue with the Instagram Access Token that you are using. Please obtain a new Access Token on the plugin's Settings page.
If you continue to have an issue with your Access Token then please see this FAQ for more information.

_memecult_

Nel rispetto della privacy raccogliamo dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Info | Chiudi