MEME EVENTS

METEOR MUSIK plays PLANÈTES BY JEAN HOYOUX

Con una live performance, venerdì 3 novembre 2017, al Civico Planetario di Milano U. Hoepli, Meteor Musik plays PLANÈTES BY Jean  Hoyoux. A cura di Marina Calvaresi. 

Belgio, 1981. Jean Hoyoux, psicologo, fervente studioso di astronomia e musicista sperimentale auto-didatta, dà alle stampe Planètes, un’antologia di composizioni synth-wave ispirate al cosmo e alla dimensione planetaria: un intreccio di sintetizzatori, vocoder e drum-machines, l’opera è un’ode strumentale a Saturno, Giove, Marte, Venere, Mercurio, la Luna e il Sole.
Distribuito in 99 copie e presto divenuto introvabile per i successivi trent’anni, il disco viene riscoperto nel 2017 dall’etichetta belga Cortizona, che ne ristampa musiche, artwork e inserti originali con certosina fedeltà (due riedizioni già sold out, e la terza sulla via del ritorno).
Per celebrare la re-issue di Planètes, oggi l’album rivive nella live performance della synth band belga Meteor Musik, che – armata della vecchia strumentazione con cui le musiche furono originariamente composte ed eseguite – reinterpreta dal vivo “gli inni interplanetari e la surreale biblioteca musicale” di Jean Hoyoux (THE WIRE).
Sopra di loro, la cupola stellata ospiterà la monumentale animazione di video-mapping opera del video-artista Jaak DeDigitale, ideata appositamente per i Planetari d’Europa e mixata in tempo reale.

JEAN HOYOUX: Scomparso prematuramente nel 1986, Hoyoux è autore di due album, Planètes (1981) e Hymne (1985), entrambi concepiti come epiche musicali di ispirazione astronomica, e insieme strumento di “terapia sonora” per persone con disturbi della crescita e dell’evoluzione e percezione dell’Io. Hoyoux teorizza, inoltre, “SON ET VIE” (letteralmente, “Il suono e la vita”), un percorso evolutivo della coscienza che poggia sul rapporto fra la simbologia planetaria e il suono; senza dimenticare il suo Institut Nationale d’Anthropo Cosmologie (INAC), l’istituto astronomico e filosofico da lui fondato per studiare inezie quali il cosmo, l’essere umano e il tempo.

METEOR MUSIK: Nati nel 2013 in seguito all’ingresso nell’atmosfera terrestre della meteora Chelyabinsk sullo spazio aereo russo, i Meteor Musik sono Tim Geelen, Joeri Wijnants e Micha Volders. Un disco all’attivo (Asteriu, 2015), synth e vocoder d’annata, e gli occhi sempre al cielo.

PLANÈTES: “Age has only heightened the strangeness of obscure Belgian psychologist Jean Hoyoux’s 1981 self-released synthesizer opus Planétes. (…) The album has long been coveted among private press devotees as a classic of cosmic hermetic exploration, testament to the timeless pursuit of insular stargazing.” THE WIRE – Adventures in Modern Music

“Planètes is the Holy Grail of rare Belgian presses.” The Word Magazine

“Play it for your grandmother, maybe she will nod off and have a horror ‘Carnival of Souls’ dream.” John ‘Insane’ Olson (WOLF EYES)

About the author

Memecult

Nel rispetto della privacy raccogliamo dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Info | Chiudi