MEME HIGHLIGHTS

Memecult ospita Massimo Uberti

Spazi creati, contornati, disegnati dalla luce. Un gesto e un concetto poetico che Massimo Uberti (Brescia, 1966) utilizza per costruire architetture utopiche, luoghi per “abitanti poetici”, come lui stesso li definisce.

Tubi di neon, spesso utilizzati come medium da diversi artisti contemporanei, delimitano e creano uno spazio, un oggetto; danno vita a un contrasto tra illuminato/oscuro, dentro/fuori, vuoto/pieno. Con questo segno Uberti traccia le linee che compongono uno scrittoio, una sedia, una stanza, una porta, un’abitazione, un varco, un’apertura nello spazio indefinito.  Evoca luoghi ideali, vuoti ma che nello stesso tempo sono un ambiente  dell’interiorità.

Altre opere create con l’utilizzo del neon sono Spazio Amato (2009),  Altro Spazio (2011), Abitare (1999),  visibili qui.
Massimo Uberti si dedica prima alla pittura, poi alla fotografia, infine all’installazione; è Docente di Pittura e Arti visive presso l’ Accademia di Belle Arti Santagiulia a Brescia, dove vive e lavora.

16
Evanescenza, 2008
315a85991d67605b5999d8b5029ad13f
never off
altro-spazio
Altro Spazio, 2011
drawing2grande
Drawing of a drawing 2, 2014
stud2
Uno studio, 2003
varcogrande
Varco
stanza
Senza fine, 2006
Loved Space
Loved Space

About the author

Sandra Branca

Delle parole amo la sintesi, il nonsense e le immagini.
Prima scrivo, poi faccio anche altro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi