MEME EVENTS

l’OFFICINA della SCULTURA | IV edizione

l’OFFICINA della SCULTURA, il progetto ideato da Fondazione Piero Cattaneo e dedicato alla scultura, al saper fare, alla tecnica e agli spazi di lavoro, per capire l’arte a contatto con i protagonisti e i luoghi, presenta la IV edizione. Far conoscere da vicino artisti e luoghi di creazione, rendendo il linguaggio e la storia della scultura sempre più accessibili a tutti, dai piccoli ai grandi: questo l’obiettivo della rassegna.

Nel mese di novembre 2021 una serie di iniziative tra incontri e laboratori per adulti, bambini, famiglie, scuole e accademie e, insieme, una novità: un cortometraggio, visibile per un giorno in presenza, il 4 novembre 2021 a Milano all’Auditorium San Fedele, e dal 5 al 30 novembre online sul canale vimeo di Fondazione Piero Cattaneo.

Scultura, sostantivo femminile è il tema scelto dalla curatrice Marcella Cattaneo per dare spazio a Gabriella Benedini (Cremona, 1932), Amalia Del Ponte (Milano, 1936) e Grazia Varisco (Milano, 1937), tre artiste capaci di indagare, con uno sguardo intenso, una pratica conosciuta solitamente attraverso i suoi interpreti maschili; tre donne che hanno contribuito allo sviluppo della scultura italiana del Novecento. Il loro immaginario plastico, sorretto da una costante sperimentazione tecnica e concettuale, viene reso accessibile grazie all’apertura straordinaria dei loro studi, dei loro luoghi creativi e divulgato attraverso un cortometraggio, intitolato Il suono del tempo, in cui le artiste ci accompagnano nell’intimo del processo creativo e progettuale del fare scultura.

Giovedì 4 novembre 2021 a Milano l’Auditorium San Fedele ospita la première del documentario realizzato da Squareworld Studio in collaborazione con Desmond Movies Packs e seguita da una conversazione con le artiste. Il cortometraggio diventa lo strumento con cui l’Officina della Scultura apre fisicamente e, quest’anno, virtualmente gli spazi dell’arte, in cui l’idea si trasforma in plastica, grazie alle riprese che indugiano non solo su gesti e movimenti, ma anche sui luoghi, sugli ambienti di lavoro.

Le parole di Gabriella Benedini, Amalia Del Ponte e Grazia Varisco, a colloquio con la curatrice Marcella Cattaneo, accompagnano le immagini, rivelano la poetica e permettono di conoscere direttamente la ricerca delle tre artiste.

Completa il progetto un ciclo di incontri, aperti al pubblico e accessibili online, pensati per le Università e le Accademie di Belle Arti, in cui la presenza diretta delle artiste offre la possibilità di aprire un dialogo attivo. La natura didattica, che connota da sempre il progetto de l’Officina della Scultura, prevede il coinvolgimento anche di istituti scolastici di primo e secondo grado, di adulti e famiglie, grazie a workshop gratuiti pensati ad hoc, impostati con una parte teorica e una applicazione pratica, grazie all’utilizzo di diversi strumenti e materiali, tra cui resina, pietre, carta, pennarelli, pastelli, foglia d’oro, sabbia, corteccia.

l’Officina della Scultura, ideata e promossa da Fondazione Piero Cattaneo di Bergamo e curata da Marcella Cattaneo, si pone come obiettivo non solo di divulgare e promuovere la conoscenza dell’arte e delle tecniche, ma anche di realizzare una vera e propria mappatura di artisti, di luoghi in cui si è fatta la storia dell’arte, una storia lunga oltre un secolo.

L’edizione 2021 porta il pubblico, vicino e lontano, all’interno degli studi di tre grandi artiste nate negli anni trenta del Novecento e tuttora attive: poter raccontare la storia della scultura italiana del XX secolo, attraverso la voce al femminile delle protagoniste, rende unica questa IV edizione.