Arte e Fotografia

L’arte contemporanea è un mercatino delle pulci. Rob Pruitt a Venezia

Venezia non è solo piazza San Marco e l’arte contemporanea non è solo Biennale di Venezia. Poco distante dalle strade principali, una galleria si trasforma in un mercatino delle pulci, dove l’arte contemporanea viene semplificata, decostruita e adattata alla quotidianità.

Rob Pruitt's Flea Market in Venice

L’artista americano Rob Pruitt (Washington, 1964) presenta “Rob Pruitt’s Flea Market” in anteprima assoluta a Venezia. Proposto per la prima volta a New York nel 1999, questo progetto è sbarcato in laguna con una buona spinta di creatività, ingegno e contemporaneità. Lo scopo principale è ricreare il clima dei classici mercatini artigianali dell’usato affinché l’arte contemporanea possa essere non solo spiegata ed esibita, ma anche dimostrata… in seduta stante. Gli artisti partecipanti, infatti, provenienti da ogni parte del mondo, rivestono i panni dei venditori e plasmano le proprie idee davanti agli occhi dei visitatori i quali, presi da una curiosità convertita in stupore, analizzano minuziosamente tutto ciò che viene loro mostrato.

A plus A Gallery -Rob Pruitt'ss Flea Market in Venice

Così come il quartiere di Rialto fa da scenario a uno dei mercati ittici più rinomati, la galleria A plus A Gallery, diretta da Aurora Fonda e Sandro Pignotti, si presta ad ospitare il “mercato della contemporaneità”. Passando da uno stand all’altro, non è possibile evitare di notare la varietà artistica proposta da ciascun “venditore”: dal food al fashion design, dal riciclo alla perfomance sensitiva. Ogni manufatto è diverso dall’altro, ma tutti sono accomunati da un unico fattore che diventa quasi un desiderio da comunicare: la semplicità. Grazie ad essa le differenze di ruoli vengo meno, non esistono più artisti e visitatori, ma solamente persone comuni che danno risalto alle proprie idee creative, dando origine a relazioni senza fine. Conseguentemente l’arte contemporanea, spesso conosciuta per essere in un certo senso complicata e/o difficile da interpretare, viene così ridotta ai minimi termini, resa comprensibile e accessibile a tutti.

Vernice-Rob Pruitt's Flea Market in Venice

Questo coinvolgente evento è stato realizzato dai ventotto studenti del “22° Corso in Pratiche Curatoriali e Arte Contemporanee” della School for Curatorial Studies Venice seguendo il principio della de-costruzione tipica dell’artista americano. I curatori si sono messi in gioco non solo concretizzando l’idea del progetto, bensì realizzandone anche un curioso catalogo dal titolo “The Curator as Barman”. Il titolo è esplicativo del contenuto: qui sono infatti raccolte ventotto ricette di altrettanti artisti, accuratamente selezionati, per realizzare aperitivi bizzarri, o quantomeno inusuali. Riproducendo questi drink è possibile capire, in parte, il lavoro svolto da questi giovani curatori: nello stesso modo in cui noi seguiamo passo dopo passo una ricetta, loro hanno seguito allo stesso modo le indicazioni degli artisti e, nello stesso modo in cui noi alla fine otteniamo il nostro cocktail, così loro hanno realizzato il Rob Pruitt’s Flea Market.

Giovanna Aliprandi

Venezia, A plus A Gallery, San Marco 3073, a cura di Tommaso Speretta, dal 5 al 8.05.2015

About the author

Giovanna Aliprandi

Da sempre attratta dalle arti visive ed uditive, si interessa al mondo culturale spaziando dal cinema alla fotografia, passando per il fashion design.

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.