Arte e Fotografia MEME MORE

Kaye Donachie | Sogni blu di Prussia dietro le sue palpebre

Kaye Donachie, To reveal yourself to others, 2015, olio su tela, cm. 35,5x51,5

Alla Ribot Gallery di Milano, Kaye Donachie racconta una novella di Marguerite Duras con la mostra Behind her eyelids she sees something, visitabile fino al 21 novembre.

Kaye Donachie, To reveal yourself to others, 2015, olio su tela, cm. 35,5x51,5
Kaye Donachie, To reveal yourself to others, 2015, olio su tela, cm. 35,5×51,5

C’è una donna. La fronte alta, le labbra fermate un attimo prima di dischiudersi, le palpebre leggermente abbassate. Guarda qualcosa che sta sotto di lei, o forse evita lo sguardo di qualcuno. Il suo volto è fatto di pennellate dense, tirate sulle guance rotonde e leggermente rosate. È pallida contro lo sfondo vegetale, minuscola e intensa sulla grande parete bianca. Kaye Donachie l’ha raccontata con un titolo potente, To reveal yourself to others (rivelarti agli altri), che è anche un verso di Paul Eluard. È la poesia a suonare l’ultima nota del racconto di un’epoca, allestito alla Ribot Gallery per la mostra Behind her eyelids she sees something (dietro le sue palpebre vede qualcosa). La Donachie la nasconde negli sguardi di ognuna delle sue donne, la si vede riflessa nei loro occhi e descritta sui loro volti. Nessuna di loro è una donna in particolare, ma ognuna è tutte le donne del suo tempo.

Kaye Donachie, Untitled 5, 2015, cianotipia su cotone, cm 30x42
Kaye Donachie, Untitled 5, 2015, cianotipia su cotone, cm 30×42

L’artista ha iniziato questa serie di opere con la necessità di ricostruire visivamente l’atmosfera di una novella di Marguerite Duras, La malattia della morte. Donachie ha visto il testo e ne ha ricostruito lo sfondo, le comparse e le ambientazioni, senza ripetere la storia di quel racconto, ma scegliendo di mostrare le altre mille che si intravedono tra un riga e l’altra. L’ambientazione di questi volti allora, diventa una proiezione delle loro menti, evoca un pensiero che le assorbe, le risucchia in un sogno che al piano di sotto si fa blu di Prussia, in una spettacolare serie di cianotipie. Sono otto le tele su cui la Donachie ha lavorato con il sole e i sali di ferro, utilizzando un processo dal sapore alchemico inventato a metà del 1800, che porta con se la magia dell’inaspettato.

installation view mostra Kaye Donachie, 2015
installation view mostra Kaye Donachie, 2015

Le cianotipie hanno bisogno di essere esposte ai raggi ultravioletti, ma si può scegliere di sfruttare quelli dell’astro celeste se si accetta di giocare con il caso. La Donachie lo fa, cerca il sole nel giardino di casa sua, e ognuna delle piccole tele di cotone racconta un blu diverso, un giorno diverso, un tempo diverso. Si sogna nei piccoli rettangoli, dove mani incontrano mani, raccolgono, sfiorano tavolozze e piante, si fermano a guardare una luna elettrica.

Kaye Donachie non grida. Avrebbe potuto. Avrebbe potuto urlare ai passanti di entrare, lasciando quel blu accattivante al piano di sopra. Gli occhi delle sue donne catturano invece con un sussurro, chiamano a loro come le sirene, tendono subdole trappole con lo sguardo. Bisogna però saperle osservare, bisogna incontrarle e avere il coraggio di affrontarne le storie. Solo allora si può scendere di sotto, a raccogliere il premio dei loro freddi sogni di Prussia.

Elena D’Angelo

installation view mostra Kaye Donachie, 2015
installation view mostra Kaye Donachie, 2015
Kaye Donachie, Untitled 3, 2015, cianotipia su cotone, cm 25x35
Kaye Donachie, Untitled 3, 2015, cianotipia su cotone, cm 25×35

 

About the author

Elena D'Angelo

Classe 1990, vive da sempre nell’hinterland milanese, e ha studiato
tra la Statale e Brera, dove al momento frequenta il corso di laurea
specialistica in Pratiche Curatoriali. Ha curato diversi progetti
legati al lavoro di artisti emergenti ed è l'editor per la versione
inglese del magazine online Juliet.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi