MEME EVENTS

Estate fiorentina 2016, Il Giardino Immaginato

La piazza come luogo di incontro e dialogo, emblema della vita collettiva, ha assunto un ruolo di fondante importanza per la formazione di uno spazio sociale. Valorizzare il territorio pubblico favorisce situazioni di confronto e coesione che sono all’origine del pensiero critico.

La scelta di operare coerentemente uno scambio tra linguaggi visivi apre una piú ampia riflessione sulla consapevolezza del singolo, sulla memoria come luogo condiviso e sull’identitá locale.

Il progetto proposto nell’ambito del progetto del Comune di Firenze, Estate fiorentina 2016, ideato dal gruppo di cittadinanza attiva Qualcosa da dire e a cura di Francesca Biagini, è quello di ridare significato ad un luogo, che pubblico deve rimanere, conservando in tali significati il fine di questo spazio: la formazione di una comunitá che faccia dello scambio e dell’interazione ugualitaria la propria ragione d’essere.

Rivalutare lo spazio pubblico non significa ripulirlo dallo sporco sociale o dal “degrado” ma renderlo fruibile per permettere integrazione e convivenza.

Presentati da Elisa Biagini, con cui condividono da anni un laboratorio di scrittura, I sei poeti propongono un breve percorso attraverso loro testi, tratti da raccolte diverse, legati al tema della memoria.

La performance Public Hole di Massimo Conti (1965) si propone come analisi di una simbologia identitaria forte, la bandiera, che assurge a perno di una democrazia ormai distopica, nella speranza di un cambiamento in cui bandiere e debiti non esistano piu’ e il bene pubblico diventi un valore assoluto.

L’installazione di Radios Appear (2014) con la partecipazione dei cittadini che abitano Piazza Brunelleschi, e’ un flusso sonoro che conferisce conformitá allla geografia del luogo modulando le frequenze delle proprie stazioni radio.

Il video Vita di un uomo di Pamela Barberi (1978) in collaborazione con il gruppo di cittadinanza attiva Qualcosa da dire trasforma I residui di memoria di un singolo in memoria collettiva, attivando un discorso di riconoscimento e interpretazione sulle dinamiche di fagocitazione moderna che impediscono I processi di metabolizzazione storica.

Inaugurazione: sabato 22 ottobre, dalle ore 17,30 – Piazza Brunelleschi 47 rosso

Programma:

ore 17,30 Poesia in piazza, a cura di Elisa Biagini.
Letture a più voci su tema della memoria.
con Liliana Grueff,Iacopo Ninni, Brenda Porster, Marco Simonelli, Eva Taylor, Stefania Zampiga

ore 18,30 installazione Radios Appear 

ore 19,30 performance Public Hole di Massimo Conti

dalle ore 17,30 per tutta la serata, proiezione del video Vita di un uomo di Pamela Barberi in collaborazione con il gruppo Qualcosa da dire 

dalle ore 21 alle ore 23  Dj set THX

About the author

Memecult