MEME PILLS

Dalì e il sogno erotico. Il photo shooting surrealista per Playboy

Cosa hanno in comune Hugh Hefner di Playboy e Salvador Dalì? Apparentemente nulla, se non la fama mondiale. Eppure la rivista che ha alimentato per decenni le fantasie di uomini e donne del globo, vanta tra gli anni ’70 e ’80 incursioni artistiche di un certo spessore (basti solo citare assieme all’artista di Figueres altri come Andy Warhol). “The erotic world of Salvador Dalì” prese così forma su quattro pagine patinate, grazie alla fotografia del veterano Pompeo Posar dal sapore molto vintage ed irriverente. Anche se non è l’immaginario a cui siamo abituati, i rimandi al surrealismo e al versante pop diventano quasi un brand cui rifarsi (dalla Coca-Cola, all’uovo gigante e ai pitoni stessi), contornato da conigliette svestite e calate in un contesto inconfondibile. Se poi si vuole pensare alla eco che la notizia ha avuto sulla piccola cittadina ispanica di Cadaqués degli anni Settanta, non è difficile immaginare orde di fans entusiasti che acclamano l’artista per strada. Il risultato di questo lavoro che alla base non ha altro che una lauta ricompensa in termini economici, rimane senz’altro attuale, anche a quasi cinquant’anni dalla sua realizzazione.

Pamela Buonsante

About the author

Pamela Buonsante

Classe 1989, da sempre amante dell’arte nelle sue molteplici forme. Sceglie di studiare Scienze dei Beni Culturali ad indirizzo storico-artistico presso l’Università di Bari, dove termina il primo ciclo di studi. E’ una viaggiatrice instancabile e una divoratrice di libri. Tra i suoi principali interessi figurano le Arti Visive e le Arti Applicate, la buona musica e la buona tavola.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi