MEME MORE

Carmen Souza: la magia del blues al “Festival Musica dei Popoli”

Giunto alla sua quarantesima edizione il Festival “Musica dei Popoli” si conferma una rassegna, ormai storica, che dopo (quasi) tre decenni è entrato a pieno titolo a far parte della storia culturale fiorentina e toscana, ma che ha avuto, ed ha tuttora, una risonanza a livello nazionale ed internazionale.

3-carmen souza firenze musica dei popoli-MARIADIPIETRO

Con i suoi concerti di musica tradizionale e popolare europea ed extraeuropea, l’edizione 2015 del Festival dei Popoli ha dischiuso un universo musicale sconosciuto prima, introducendo per primo a Firenze musiche tradizionali di tutto il mondo: africane, asiatiche, latinoamericane e popolari europee, mettendo in evidenza il fatto che “la musica” non è solo la musica classica, il pop/rock angloamericano e il jazz, ma che “le musiche del mondo” costituiscono un vasto e ricco patrimonio artistico e culturale, per niente marginale o inferiore rispetto alla musica prodotta dalla civiltà occidentale.

Il Festival ha sempre avuto come obiettivo primario la valorizzazione della musica come bene artistico e culturale, proponendo attività di spettacolo tendenti alla diffusione della conoscenza delle musiche dei popoli all’insegna del relativismo culturale.

Se è vero che Musica dei Popoli è fortemente radicato nella città di Firenze, non per questo è un evento esclusivamente locale, bensì si tratta di un festival “internazionale” nel senso più ampio del termine: gli artisti che vi partecipano provengono da tutto il mondo; il pubblico che assiste agli spettacoli è molto eterogeneo in quanto a nazionalità; gli eventi sono un vero e proprio miscuglio di emozioni, proprio come è successo lo scorso sabato 2 Ottobre, dove ad animare la serata c’era il talento di Carmen Souza.

6-carmen souza firenze musica dei popoli-MARIADIPIETRO

Carmen è una delle voci più interessanti della jazz-world musica, mix di nazionalità ed ambiente cosmopolita che emerge dalle sue radici variegate, nasce infatti a Lisbona da famiglia di provenienza di Capo Verde.

Una serata magica che ha coinvolto il pubblico sulle note di Cape Verdean Blues, per poi concludere con un omaggio a Miriam Makeba con la sua famosa “Pata Pata“.

Accompagnata dai poetici suoni del basso dello straordinario Theo Pascal e dalle percussioni di Elias Kacomanolis, la serata è stata un vero e proprio miscuglio di stili musicali, dalla salsa al soul, dal blues al funk.

Un evento che ha contribuito in maniera eccellente a diffondere la conoscenza delle culture musicali del mondo, dove, per un momento, ci si è dimenticati di tutta la sofferenza che i popoli migranti stanno vivendo. La musica, come sempre, ha il potere e la magia di unire tutti i cuori e la  voce di Carmen Souza ci è riuscita più che mai. Ha estasiato l’intero pubblico con la sua voce graffiante, gioiosa e accogliente.

Felisia Toscano

Foto di Maria Di Pietro

 

1 -carmen souza firenze musica dei popoli - MARIADIPIETRO 2 -carmen souza firenze musica dei popoli - MARIADIPIETRO 3-carmen souza firenze musica dei popoli-MARIADIPIETRO 4 -souza firenze musica dei popoli-MARIADIPIETRO 5-carmen souza firenze musica dei popoli-MARIADIPIETRO 7-carmen souza firenze musica dei popoli-MARIADIPIETRO

About the author

Felisia Toscano

Laureata in Scienze Turistiche, è impegnata nella realizzazione di eventi culturali e turistici.
Appassionata all’arte e alla scrittura, si dedica alla recensione e al racconto di mostre, viaggi, eventi culturali che le permettono di esprimere al meglio le sue emozioni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi