MEME PILLS

Archillect, la musa digitale

Può un algoritmo avere un senso estetico? Può modificare le proprie scelte in base all’influenza dei gusti altrui? Evidentemente sì. È quello che è in grado di fare Archillect (Archive + Intellect), un algoritmo ideato da Murat Pak, progettista, grafico e artista turco. Archillect è un programma capace di scegliere e pubblicare immagini suggestive secondo certi canoni; una musa digitale – così come è stata definita dal suo stesso ideatore – in grado di svilupparsi autonomamente. Archillect è capace infatti di registrare i gusti delle persone. In pratica prende in considerazione il numero di condivisioni e di like sui social e prova ad adattare i contenuti in base a queste preferenze. Un algoritmo indipendente che ricerca negli archivi di Tumblr, Flickr e 500px le immagini, i contenuti visivi che, a partire da alcune parole chiave, saranno performati in base ai gusti delle migliaia di follower che seguono Archillect sui profili Twitter, Facebook, e Pinterest, dove esiste dal 2014.

A differenza di un essere umano la sua scelta non è limitata dal tempo disponibile né da fattori emotivi. L’aspetto interessante di Archillect sta nell’autonomia.

“She tries to understand what is “liked” on social media.
As a result she learns, evolves, communicates and becomes happy in her own ways.” 

“It’s not reflecting my taste anymore. I’d say 60 percent of the things [she posts] are not things that I would like and share, but it’s still fun to see that they are doing better than the things I would share.” (Pak)

Dall’incontro tra l’algoritmo e i gusti della rete virtuale, il risultato estetico è sorprendente: c’è nella raccolta delle immagini, una comune linea minimal, essenziale, mai esagerata, mai sbavata; dai toni freddi, quasi monocromi, e dalle linee geometriche, come ad esternare un’anima algida e sintetica che in fondo è propria e caratteristica di Archillect.

Sandra Branca

 

 

 

About the author

Sandra Branca

Delle parole amo la sintesi, il nonsense e le immagini.
Prima scrivo, poi faccio anche altro.